Nesli – Fragile – Nesliving Vol. 2 (Recensione)

Sun, 7th March, 2010

Etichetta: Doner Music
Distribuzione: Self
Anno: 2009

Francesco Tarducci, in arte Nesli, continua il suo viaggio introspettivo dopo Nesliving vol. 1 con la creazione del secondo volume di questa saga, FragileNesliving vol. 2.
Un album composto da 12 traccie, completamente prodotto da Big Fish e Marco Zangirolami al Noize Studio di Milano, privo di collaborazioni.

Nesli, dopo un’ adolescenza inquieta e sognante, segnata da una passione precoce per la musica che lo porta presto a incidere i suoi primi dischi da indipendente, sente l’ esigenza di raccontarsi con una raccolta di canzoni che si possano ascoltare, il suo testamento musicale, i suoi pensieri, il suo cammino, il suo passaggio in questo mondo.

In questo disco Nesli parla di sé. Del suo lato forte, del suo lato debole, della sua paura e del suo coraggio. Coraggio che sicuramente l’artista dimostra di avere raccontandosi così apertamente all’interno del suo lavoro.

L’assenza di featuring viene giustificata dal rapper come una scelta razionale e ponderata. Essendo un lavoro interamente personale, dove descrive le sue sensazione sul mondo e sul rapporto con le persone, dichiara che non gli sembrava corretto chiedere ad altri artisti di scrivere su pezzi che dovevano raccontare di lui e del suo io, perché ognuno ha un punto di vista diverso e Nesli voleva descrivere il suo,senza nessun aiuto.

In Fragile si svaria dalla base più classica e lenta a quella più moderna ad alti bpm, a quella più hip hop con sonorità molto americane. Si possono notare il largo utilizzo di sintetizzatori ma anche l’utilizzo di campionature di chitarre e pianoforti molto ben inseriti nel contesto “elettronico” dell’intero album.
Degne di nota a mio parere sono: Non tornerò (il quale video è già da tempo in rotazione sulle principali emittenti televisive e radiofoniche), Se tu non sei qui, Corri in fretta, Una vita non basta, Fragile, Se perdi, Non mi sembra vero, La fine.

Album che dimostra una notevole maturazione dell’artista rispetto ai suoi precedenti lavori, i suoni appagano le orecchie e tutti i gusti musicali, adatto secondo me nei momenti di riflessione o comunque potrebbe essere un ottima colonna sonora da sottofondo sia fisicamente che mentalmente.

Non è di certo un album allegro adatto a momenti di festa ma rimane ugualmente un ottimo lavoro, degno del nome di Nesli.

Matteo S.

  • Tags:

You Might Like

Leave A Comment

This Post Has 0 Comments